Benvenuti nel sito di Risguardi

Frankfurt Buchmesse 2014

Posted on ottobre 24th, by Risguardi in Digitale, Editoria, Fiere. No Comments

La 66a edizione della Fiera di Francoforte, tenutasi dall’8 al 12 ottobre 2014, pur registrando un calo nel numero delle presenze — 142.921 visitatori professionisti, circa il 2% in meno rispetto all’edizione 2013, e 269.534 visitatori complessivi, con una flessione di quasi il 2,2% —, è stata accolta con immutato entusiasmo dai professionisti del settore. Particolarmente animato il centro dedicato agli agenti letterari e anche i relatori che hanno affollato il ricco programma di incontri professionali hanno espresso ottimismo sul futuro dell’editoria e sulla sua capacità di “svoltare l’angolo”.

Nel suo discorso di apertura della fiera, Brian Murray della HarperCollins ha parlato di una “nuova era di sperimentazione” che ha già fruttato risultati positivi per gli editori. “Nel settore digitale, ogni volta che si avvia una collaborazione con un nuovo partner o si elabora una nuova offerta si aprono nuove opportunità per il merchandising. Anche se lo spazio per il marketing all’interno delle librerie tradizionali si è ridotto, ogni volta che si introduce un modello digitale originale o un nuovo partner per la distribuzione si creano nuove opportunità di promozione. Bisogna essere all’avanguardia, sperimentare le cose.”

Lo scambio dei diritti resta, naturalmente, la linfa vitale della … Read More »


Grayhawk Agency, Taiwan

Posted on ottobre 24th, by Risguardi in Editoria. No Comments

In una recente intervista a Publishers Weekly, Gray Tan, fondatore e presidente della Grayhawk Agency con sede a Taiwan — rappresentante di importanti autori quali Khaled Hosseini e Jonathan Franzen — ha illustrato alcune tendenze del mercato editoriale in Cina e a Taiwan.

“In Cina tutti sono in cerca di libri da cui sono state tratte serie televisive. House of Cards (in Italia, Gli intrighi del potere) ne è un esempio, ma abbiamo venduto anche altre serie americane famose, come Outlander e la serie di Miriam Black. La triste realtà è che a Taiwan nessuno legge narrativa e non si vende nulla da cui non sia stato tratto un film. Ciò nonostante, quest’anno sono stati pubblicati diversi manuali di successo su come scrivere un romanzo o una sceneggiatura. È come se nessuno volesse ascoltare le storie degli altri e fosse interessato solo a raccontare la propria.

Una delle maggiori sfide per chi rappresenta titoli americani ed europei è la lentezza con cui gli editori cinesi valutano i libri, almeno per quanto riguarda la narrativa. La Cina e Taiwan sono perlopiù mercati che “seguono la scia”, in cui gli editor leggono lentamente, in pochi si affidano agli … Read More »