Benvenuti nel sito di Risguardi

Grayhawk Agency, Taiwan


Posted on ottobre 24th, by Risguardi in Editoria. No Comments

In una recente intervista a Publishers Weekly, Gray Tan, fondatore e presidente della Grayhawk Agency con sede a Taiwan — rappresentante di importanti autori quali Khaled Hosseini e Jonathan Franzen — ha illustrato alcune tendenze del mercato editoriale in Cina e a Taiwan.

“In Cina tutti sono in cerca di libri da cui sono state tratte serie televisive. House of Cards (in Italia, Gli intrighi del potere) ne è un esempio, ma abbiamo venduto anche altre serie americane famose, come Outlander e la serie di Miriam Black. La triste realtà è che a Taiwan nessuno legge narrativa e non si vende nulla da cui non sia stato tratto un film. Ciò nonostante, quest’anno sono stati pubblicati diversi manuali di successo su come scrivere un romanzo o una sceneggiatura. È come se nessuno volesse ascoltare le storie degli altri e fosse interessato solo a raccontare la propria.

Una delle maggiori sfide per chi rappresenta titoli americani ed europei è la lentezza con cui gli editori cinesi valutano i libri, almeno per quanto riguarda la narrativa. La Cina e Taiwan sono perlopiù mercati che “seguono la scia”, in cui gli editor leggono lentamente, in pochi si affidano agli scout letterari e molti generi — il rosa, il romanzo storico, i gialli — hanno scarso riscontro. Come co-agenti sentiamo un gran parlare di aste e negoziazioni a sei cifre, ma questo succede per lo più nei mercati europei, che sono tutto un altro mondo. Il mio approccio è sempre stato quello di predisporre la maggior parte di materiale possibile in lingua cinese, perché, anche se ormai tutti comprendono l’inglese, resta ancora più facile e accattivante leggere una proposta editoriale nella propria lingua. La parte più difficile è trovare il giusto equilibrio tra la rapidità (tenere al corrente gli editori sugli sviluppi commerciali di un certo titolo) e l’approfondimento (scrivere una buona scheda editoriale, che, nel mio caso, può significare qualche migliaio di parole). Ma è anche la parte più divertente del lavoro.

Tra i titoli in lingua cinese che stiamo promuovendo, puntiamo molto su The Borrowed di Chan Ho-kei, un giallo epico ambientato a Hong Kong, dalla struttura originale: sei capitoli — leggibili anche come romanzi singoli — ognuno ambientato in un periodo cruciale della storia di Hong Kong e incentrato su un caso diverso. È il primo giallo epico su Hong Kong scritto da un autore di Hong Kong. È uscito a giugno 2014 per l’editore Crown di Taiwan, tre mesi prima dell’attuale movimento Occupy Central with Love and Peace… più tempestivo di così! Abbiamo già venduto i diritti cinematografici al famoso regista Wang Kar-wai, che intende trarne una trilogia.”

Fonte: Publishers Weekly





Comments are closed.